Rivelazioni

0 Commenti

Vietato salire sulle nuvole!

0 Commenti

citazione fannullona 146

La vita vola via come un sogno e spesso non riesci a far nulla prima che ti sfugga l’istante della sua pienezza. Per questo è fondamentale apprendere l’arte del vivere, tra tutte la più ardua ed essenziale: colmare ogni istante di un contenuto sostanziale, nella consapevolezza che esso non si ripeterà mai più come tale.

 

 Pavel Florenskij

0 Commenti

La pigrizia ci salverà!

0 Commenti

citazione fannullona 145

Non confondere mai il movimento con l'azione.

Ernest Hemingway

0 Commenti

citazione fannullona 144

Se si vuole analizzare a fondo ogni argomento, bisogna avere molto tempo, e in particolare bisogna avere il privilegio di poter perdere tempo. Bisogna poter sperimentare percorsi improduttivi, esplorare vicoli ciechi, lasciare spazio ai dubbi e alla noia, e permettere che piccoli semi di intuizione crescano e fioriscano lentamente. Se non potete permettervi il lusso di sprecare del tempo - non troverete mai la verità.

 

Y.N. Harari

0 Commenti

Il test fannullone

0 Commenti

DELLA PIGRIZIA - a cura di Stefano Scrima

DELLA PIGRIZIA

a cura di Stefano Scrima

Ortica Editrice

Bari, 2020, pagine 88

 

Che dire: il libretto sembra sia stato curato direttamente dal Conte Fannullone (evidentemente il vero curatore Stefano Scrima è un vero fannullone illuminato!): una preziosa raccolta di folgoranti citazioni e aforismi intorno all'importanza dell'ozio. Consapevoli che l'arte, lo spirito, la vita, l'uomo siano incompatibili con la frenetica avidità di chi svende il proprio tempo per il denaro, grandi autori sono qui riuniti per innalzare un grido di libertà, un monito anzi, a tutti coloro che ancora non sanno che perdere tempo è l'investimento più grande che si possa fare. I fannulloni si sentiranno meno soli in compagnia di tanti grandi uomini, si sentiranno più forti e fiduciosi contro il luogo comune che li vuole relegati fra i parassiti della società. Possiamo invece essere fieri della nostra indole, che è l'indole di chi si circonda di bellezza, l'indole di chi può salvare questo mondo senz'anima!

0 Commenti

Obbiettivi troppo lontani

0 Commenti

citazione fannullona 143

Perché lavorate? Non potreste limitarvi a vivere ed essere contenti? E se vi affaticate solo per potervi affaticare di più, quando troverete la felicità? Voi dite di lavorare per vivere, ma la vita non è fatta di bellezza e canzoni?

E se non sopportate fra di voi un cantore, dove vanno i frutti di tanto lavoro? Lavorare senza divertirsi è come fare un viaggio interminabile senza meta. Non sarebbe meglio morire?

 

H. P. Lovecraft

0 Commenti

LA RIVOLUZIONE DEL FILO DI PAGLIA - Masanobu Fukuoka

Masanobu Fukuoka

LA RIVOLUZIONE DEL FILO DI PAGLIA

Libreria Editrice Fiorentina

Firenze, 1980, pagine 198

 

L'altro giorno, mentre stavo facendo pulizia nel piccolo tempio del villaggio, fui sorpreso notando delle targhette al muro. Togliendo la polvere e osservando le lettere pallide e sbiadite, riuscii a decifrare dozzine di poesie haiku. Anche in un villaggio piccolo come questo venti o trenta persone avevano fatto composizioni haiku e le avevano presentate come offerte. Questo è quanto la gente degli spazi aperti aveva nella sua vita nei vecchi tempi. Alcuni dei versi devono essere vecchi di diversi secoli fa. Perciò erano stati scritti con tutta probabilità da contadini poveri, ma che avevano ancora il tempo di scrivere l'haiku.”

 

Fukuoka racconta il suo lavoro di agricoltore e lo fa attraverso le parole dense che solitamente nascono dall'esperienza di chi ha dedicato la propria vita a un'arte. Parole che sanno tracciare con chiarezza la visione, il pensiero, l'idea a sostegno del suo lavoro; una visione squisitamente etica che si estende oltre l'agricoltura, che parla a tutti noi, al modo in cui ci rapportiamo con ciò che ci circonda e che separa nettamente le pratiche che mantengono fertile e viva la terra dagli atteggiamenti che la rendono sterile.

Per questo motivo Fukuoka considera emblematico lo sviluppo dell'agricoltura moderna, intensiva, monoculturale, che ha l'unico scopo di spremere tutto il possibile dalla terra, e che così facendo la mutila.

Per l'insensata corsa al profitto, per l'avidità che indirizza le nostre scelte - come Re Mida che rendeva freddo e morto tutto ciò che toccava trasformandolo in oro – anche gli uomini mortificano ciò che trasformano in denaro.

Il lavoro di Fukuoka punta invece alla vita e lo fa attraverso l'agricoltura del non fare, del rispetto della natura, dell'ascolto, dell'attenzione, del semplice che è tutto. Lavorando molto meno si ottengono le stesse quantità di raccolto, senza diserbanti né fertilizzanti, restituendo alla terra ciò che la terra ci dà e senza eliminare la ricchezza dell'ecosistema come le erbacce, i vermi, gli insetti che se controllati possono benissimo fare il lavoro al posto nostro. È la dimostrazione che lavorare meno non significa necessariamente ottenere meno, ma avere tutto quello che ci serve, rispettando la terra e senza rinunciare al tempo della contemplazione o al tempo che serve per scrivere un haiku.

0 Commenti

Resisti!

0 Commenti

Vere vacanze!

0 Commenti

La vita è unica.

0 Commenti

Nuvola portami via!

0 Commenti

UN UOMO CHE DORME - George Perec

George Perec

UN UOMO CHE DORME

Quodlibet

Macerata, 2017, pagine 170

 

Dai chiari riferimenti al celebre racconto di Herman Melville “Bartleby lo scrivano” - evocato esplicitamente a pag. 136 - “Un uomo che dorme” ci presenta un protagonista meno enigmatico del suo ispiratore: il giovane studente di Perec, dal giorno in cui non si presenta all'università per sostenere un esame, inizia a sperimentare l'estrema esperienza dell'inerzia e, con essa, l'illusione di potersi affrancare dai vincoli del vivere quotidiano. Scoprirà – non senza imporre al lettore un senso di claustrofobia – che, portando all'estremo l'esperienza della pigrizia, da questi vincoli non ci si può liberare.

Ciò non impedisce al giovane studente di vivere momenti di autentica libertà: e di comprendere a sue spese che anche nello sperimentare l'indolenza non bisogna esagerare perché - come insegnano gli esperti fannulloni - meglio essere pigri con pigrizia! O pigramente pigri.

0 Commenti

citazione fannullona 142

Rivendicate la lentezza: nel nostro mondo a tutto vapore, è un diritto delizioso di cui siamo stati privati.

Jean-Pierre Siméon

0 Commenti

Quello che ci resta da fare è rimanere sulle nuvole!

0 Commenti

Uff... la vita!

0 Commenti

citazione fannullona 141

In un mondo consacrato al culto della produttività, dovremmo meditare di più sulle virtù terapeutico-artistiche del pigiama.

 

Amelia Natalia Bulboaca

In bicicletta

0 Commenti

Spring

0 Commenti

IL SILENZIO È COSA VIVA - Chandra Livia Candiani

Chandra Livia Candiani

IL SILENZIO È COSA VIVA

Giulio Einaudi Editore

Torino, 2018, pagine 132

 

 

Leggere questo prezioso libretto della Candiani è una di quelle esperienze che si avvicinano molto all'esperienza della contemplazione: lo si legge piano piano, gustandolo e sorprendendosi di quanto siano dense le immagini e le parole che l'autrice ha scelto per noi. Un libro per stare dove si è con il corpo, per cercare di lasciare spazio intorno a tutti i nostri gesti quotidiani, per accorgersi di quello che ci circonda. Un libro per stare fermi. Per assaporare tutto ciò che ci investe nel qui e ora. Troppo spesso non siamo da nessuna parte, con il corpo in un luogo e la mente altrove – gli smartphon non aiutano – e anch'io, su invito della Candiani, ogni tanto dico il mio nome ad alta voce, come per richiamarmi ad una presenza, alla terra che calpesto, alla vita vera, affinché non si dissolva tutta come se fosse stato un sogno.

 

 

0 Commenti

Barchetta

2 Commenti

citazione fannullona 140

Sono le nuvole celesti, dee protettrici degli sfaccendati.

A loro dobbiamo l'intelligenza, la dialettica e la ragione.

 

Aristofane

0 Commenti

Il Conte in terracotta

Francesco - irriducibile fan del Conte Fannullone - omaggia il suo eroe con una splendida scultura dal cappello removibile. Grazie Francesco!

0 Commenti

Momentaneamente.

0 Commenti

ATLANTE UNIVERSALE DELLE NUVOLE - Damiano Zanocco

Damiano Zanocco

ATLANTE UNIVERSALE DELLE NUVOLE

Antiga edizioni

Treviso, 2006, pagine 95

 

Guida indispensabile per tutti coloro che amano stare con il naso all'insù e guardare le nuvole, che si meravigliano dello spettacolo che ogni giorno esse ci offrono, che vorrebbero addormentarsi sulla cima di un bianchissimo morbido cumulo congesto o passeggiare mollemente sopra un cirrocumulo stratiforme, che si elettrizzano all'arrivo di un minaccioso cumulonembo o che rimangono a bocca aperta quando vedono densi cirri colorarsi alla luce del tramonto.

Un libro che aiuta a riconoscere le nuvole, a dar loro un nome – ché come spesso accade è proprio quando si conoscono i nomi delle cose che si cominciano a vederle.

Da quando l'ho letto non faccio altro che guardare il cielo per indovinare i generi e le specie delle nubi, e mi sorprendo di scoprire, nonostante le amassi già, quanto poco le avessi davvero viste.

Prontuario consigliatissimo per ogni buon apprendista fannullone.

0 Commenti

Propositi per il 2018

0 Commenti

Nel mondo dei sogni!

0 Commenti

citazione fannullona 139

Chi dorme non pecca.

Proverbio

0 Commenti

Bentornato Conte!

0 Commenti

Un Conte per Francesco

0 Commenti

citazione fannullona 138

Ma perché mai dovrei realizzare qualcosa? Mi basta "essere", vivere sperando di diventare almeno in parte un essere umano.

 

Etty Hillesum

0 Commenti

citazione fannullona 137

Sostituiamo le molte definizioni di "dignità dell'uomo", che sono soltanto giaculatorie estasiate, con una sola, semplicissima: fare tutto lentamente.

 

Nicoàs Gòmez Dàvila

0 Commenti

Mattina

1 Commenti

Due passi

0 Commenti

Un po' di movimento

0 Commenti

sabato 25 febbraio 2017

0 Commenti

Il Conte nello spazio

2 Commenti

citazione fannullona 136

I giorni di pioggia dovrebbero essere trascorsi a casa davanti a una tazza di tè e a un buon libro.

Bill Watterson

0 Commenti

Leggerezza

1 Commenti

La pigrizia salverà il mondo

1 Commenti

continua con il 2016